Logo
Logo

    Turismo sostenibile

    ciclistaIl Parco Lombardo della Valle del Ticino è il luogo ideale per sperimentare uno stile di vita eco-sostenibile. Attorno all’aeroporto internazionale di Malpensa, vicino al Polo Fieristico di Rho Pero, ad EXPO 2015 e alla città di Milano, la Valle del Ticino, Riserva della Biosfera UNESCO dal 2002, è la più estesa area naturale della Valle Padana.

    Nel contesto di un’area fortemente antropizzata, l’attività di protezione ambientale deve necessariamente rivelarsi compatibile – e possibilmente sinergica – con le esigenze di sviluppo sociale e di crescita economica delle comunità residenti.

    La missione del Parco, sintetizzata dallo slogan “Sviluppo sostenibile: tutela della biodiversità e dell’ambiente, qualità della vita” che ne richiama i tre obiettivi primari, mira infatti esplicitamente a coniugare la tutela dell’ambiente naturale e della biodiversità con la fruizione del territorio e con la valorizzazione delle sue risorse e vocazioni in primo luogo a vantaggio delle comunità residenti. Una conservazione dinamica e attiva dunque, che idealmente si concretizza in un Parco abitato, fruito e vissuto, ma sempre nel rispetto dell’ambiente.

    Fin dalla sua istituzione il Parco ha affrontato il problema della massiccia fruizione turistica dell’area protetta.

    Il fenomeno era ed è rilevante: specialmente durante la bella stagione migliaia di turisti, provenienti soprattutto dalla metropoli milanese, si accalcano sulle poche spiagge del Ticino, quelle cioè vicino alle grandi vie di comunicazione.

    Per indirizzare i fruitori sono stati creati i Centri Parco, si è regolamentata l’affluenza delle scolaresche e dei gruppi organizzati, si è proibito l’accesso dei mezzi motorizzati al greto del fiume e sulle alzaie dei Navigli.

    Il visitatore, parte essenziale dell’ecosistema, è invitato a muoversi nell’ampio contesto naturalistico mediante specifici itinerari guidati, le Vie Verdi del Ticino senza violare le aree più fragili e vulnerabili non segnalate.

    Il Parco ha incentivato e sostenuto le proposte di attività ricreative con canoe, biciclette e cavalli, indirizzando ad un uso responsabile del territorio nel rispetto degli ambienti naturali senza alterarne i delicati equilibri.

    Un intenso lavoro su diversi fronti, che ha portato il Parco del Ticino ad ottenere dall’UNESCO l’importante riconoscimento di Riserva della Biosfera.

     

     ABSTRACT

    SUSTAINIBLE TOURISM – The Ticino Valley is the widest natural area in the Po Plain. The Park’s mission is synthetised in the slogan “Sustainible development: biodiversity and environment protection, quality of life” because it is located in a heavily man-made area with a high tourism potential where natural protection must be reconciled with land use and resource enhancement.
    To deal with the massive tourist exploitation of the area, the Park has developped different solutions: it created the Visitor Centres, drew up the Ticino Greenways, and proposed various recreational activities. Such an intense work on several fronts led the Park to be recognised by UNESCO as a Bioshpere Reserve.

    Text translation by the IPSIA Marcora Inveruno (MI) Indirizzo Tecnico Turistico under the project “Alternation school-to-work”